Gianpiero Boschero (Jan Peire de Bousquìer) è nato a Saluzzo nel 1950 da
genitori di San Maurizio di Frassino in Val Varaita. Laureatosi in giurisprudenza,
ha ricoperto l’incarico di V. Pretore Regg. della Val Varaita ed ha svolto la
professione di avvocato a Saluzzo. Vive a San Maurizio.
Nel 1970 ha intrapreso la raccolta sistematica delle danze della Val Varaita. Sin
dall’inizio ha promosso la rivitalizzazione delle danze fra la gente della Valle, in
modo che continuassero a essere praticate in modo spontaneo e non fossero
relegate nel repertorio di gruppi folkloristici. Ha realizzato pubblicazioni di dischi
e libri su tali danze ed ha tenuto corsi di insegnamento in Italia e in Francia.
Nel 1971 ha fondato l’associazione Soulestrelh (ora Lou Soulestrei, ‘Il falò’),
che pubblica la rivista di lingua e cultura occitana Lou Temp Nouvel (‘Il Tempo
Nuovo’), di cui è redattore. Ha partecipato alla redazione della grafia
concordata per i dialetti occitani d’Italia ed ha collaborato alla pubblicazione di
libri per bambini e ragazzi in occitano.
Quale consigliere di presidenza del Comitato Nazionale Federativo delle
Minoranze Linguistiche d’Italia, ha promosso l’approvazione della legge
statale n. 482 del 1999, sulla tutela delle minoranze linguistiche storiche.
Sin dagli anni ’80 ha dato vita alla rinascita del merletto a fuselli della Val
Varaita e ha fondato l’associazione Pouiéntes d’Oc (‘merletti occitani’), con sede
presso il Museo di Cuneo, di cui è tuttora presidente.