Silvana Cincotti: “Tessiture d’arte, tra trama e ordito:la nascita del design e la storia dell’arazzo”

Caricamento Eventi

Con la partecipazione del direttore dell’Arazzeria Scassa Massimo Bilotta. 

L’arte dell’arazzo resta una forma di altissimo perfezionamento artigiano, valido a tutti gli effetti come forma d’arte, ancora oggi, in un’epoca come la nostra di grandi cambiamenti. Il XX secolo ha visto crescere il progresso tecnologico a ritmi vertiginosi e a ritmi altrettanto rapidi sono scomparse molte pratiche artigianali. L’arte arazziera non ha voluto, e come potrebbe, cambiare intento: è ancora oggi fatta a mano, come accadeva centinaia di anni fa, ed è proprio grazie ad un attento percorso a ritroso che, partendo dalla storia della celebre Arazzeria Scassa di Asti, torneremo alle produzioni secentesche per il Louvre e Versailles, agli arazzi di Raffaello Sanzio e di Angers, fino alle trame tessute in un convento nella Germania nord-ovest, nei pressi di Colonia, rintracciando i resti del celebre Panno di S. Gereone.

Torna in cima