Autismo: storie di bambini che diventano grandi

Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

Quando si parla di “autismo” si fa riferimento, dal punto di vista clinico, ad un insieme di disturbi del neurosviluppo che rimandano al funzionamento cerebrale e hanno in comune importanti difficoltà nella comunicazione e nell’interazione sociale e comportamenti che risultano ripetitivi e stereotipati. E’ inoltre frequente una modalità atipica di reagire a diversi stimoli sensoriali (che possono interessare la vista, l’udito, l’olfatto, il gusto, la percezione). Oggi sarebbe più corretto parlare di “autismi” o di “disturbi dello spettro autistico” dove il plurale rende conto della estrema eterogeneità con cui questi disturbi si manifestano: ad un polo dello spettro (che rimanda alle diverse sfumature e intensità dello spettro della luce) troviamo persone con assenza di linguaggio e grave disabilità intellettiva, all’altro polo abbiamo soggetti con buona proprietà di linguaggio e buon livello intellettivo che può anche essere superiore alla norma. I bambini con autismo diventano adolescenti e poi adulti con autismo. Gli interventi educativi e abilitati se condotti con modalità idonee, che coinvolgano la famiglia e la scuola, possono consentire significativi miglioramenti, con lo sviluppo di livelli di autonomia che sono dipendenti anche dal grado di disabilità intellettiva (presente in almeno il 50 % dei casi di autismo). Nel corso della lezione verranno presentate alcune storie di bambini con diverse forma di disturbo dello spettro autistico, nel loro percorso di vita verso l’età adulta.

 

RELATORE: Maurizio ARDUINO

Torna in cima