Lo Schiaccianoci di Tchaikovsky

Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

Il libretto di Marius Petipa trae spunto dal racconto “Lo Schiaccianoci e il re dei topi” dello scrittore E.T.Hoffman, revisionato da Alessandro Dumas padre, che ne eliminò alcuni passi cruenti. La sera della vigilia di Natale, durante la festa in famiglia, la piccola Clara riceve dal suo padrino Drosselmayer uno schiaccianoci in forma di soldato. La festa, allietata dalle invenzioni magiche di Drosselmayer, finisce. Clara si addormenta abbracciata al suo soldatino e comincia a sognare. L a stanza è invasa da una miriade di topi e Clara sogna di difendere l’amato regalo dal re dei topi. All’improvviso lo schiaccianoci diventa un principe e la conduce in una foresta innevata, resa festosa dal valzer dei fiocchi di neve, che accompagnano i due verso il Regno dei dolci. La fata confetto accoglie i due viaggiatori e inizia una grande festa in onore di Clara, con una serie di celebri danze, che culmina col famoso Valzer dei fiori. Alla fine Clara si risveglia, abbracciata al suo schiaccianoci. Il balletto Lo schiaccianoci, così ricco di indimenticabili melodie create da Tchaikovski, è stata una delle opere più rivisitate dai grandi coreografi. La coreografia di quello che presentiamo oggi è opera del celebre ballerino Rudolf Nureyev e risale al 1967. Secondo i critici, di tutti i grandi classici del balletto rivisitati da Nureyev come coreografo, lo Schiaccianoci è certamente quello più riuscito. Filmato a Vienna nell’ottobre del 2012 i protagonisti sono la danzatrice L.Konovalova e il ballerino V.Shiskov insieme al Wiener Staatsballet e all’orchestra Der Wiener Staatsoper.

RELATORE: Paolo MONNETTI

Torna in cima