#Metoo e non solo: i ruoli di genere nella società contemporanea

Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

Il movimento #metoo ha rimesso al centro dell’attenzione pubblica internazionale il tema dei rapporti fra uomini e donne. Quanto incidono ancora oggi le disparità di potere – economico, politico, sociale – sulla libertà delle donne? Bisogna interpretare le violenze di cui sono vittime come la reazione di uomini incapaci di accettare l’uguaglianza e la piena autonomia delle loro mogli e compagne? Sono domande che è necessario porsi per riflettere su alcune delle profonde contraddizioni che interessano le nostre società, apparentemente fondate sull’eguale libertà di tutti e tutte, ma in realtà ancora segnate da forme – antiche e moderne – di oppressione. Quello che Pierre Bourdieu definiva “dominio maschile” è duro a morire, e, in fondo, non colpisce solo le donne: gli stessi uomini appaiono prigionieri della sub-cultura maschilista che li costringe a interpretare, fin dalla giovane età, ruoli di “forza” e “comando” predefiniti. Qualcosa sta certamente cambiando, ma l’obiettivo di una società non più patriarcale è ancora lontano. Per raggiungerlo è fondamentale il contributo del femminismo, inteso come variegato movimento organizzato e come ricca scuola di pensiero, ma anche l’impegno degli uomini, chiamati non a “proteggere” le “proprie” donne, ma a mettere in discussione strutture, linguaggi e comportamenti.

 

RELATORE: Jacopo ROSATELLI

Torna in cima