Viaggio, amore e magia: 100 giorni nel Sud Est asiatico

Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

Verso il sole che sorge: 100 giorni nel Sud Est asiatico. 8 giugno 2017 Yangon: alle 20,45 locali un aereo atterra nella ex capitale della Birmania. Da questi dettagli semantico-politico si capisce quanto travagliata e dolorosa sia la storia del Myanmar. Il buio ci avvolge e il caldo ci penetra la pelle insieme all’umidità. Siamo Alice e Stefano, abbiamo 27 anni e in questo giorno di tarda primavera comincia il nostro viaggio. L’obiettivo è di quelli che fanno emozionare: il giro del Sud -Est asiatico in 100 giorni. Nessun tour organizzato, nessun volo interno. La cometa è partita e lo zaino, nostra unica fedele dimora, è pronto. La Shwedagon Paya, il più grande tempio buddista dell’Indocina, ci guarda dall’alto, mentre il monsone non ci lascia tregua e la città assume caratteri bui e tetri. Attraversiamo Myanmar, Thailandia, Laos, Vietnam e Cambogia. Molti viaggiano in Oriente per ritrovare una presunta spiritualità perduta a casa propria. Noi non sappiamo se sia la spiritualità che andiamo cercando, ma siamo sicuri che non conosciamo strada migliore del viaggio per incontrare il diverso e aprirci all’altro. Il 18 settembre ritorniamo a casa. Quando il sole spunta tra le nuvole, tutte le culture, tutte le persone di qualsiasi razza, di qualsiasi religione, si fermano a guardare e ringraziano. E’ così che ci accodiamo al resto del mondo e pronunciamo con non poca commozione l’unica parola non inutile, non superflua: Grazie.

 

RELATORE: Alice BOSIO

Stefano BOCCI

Torna in cima